Che bello mangiare sotto l’ombrellone!

Mangiare sulla spiaggia, magari proprio sotto l’ombrellone, piace molto anche ai più piccoli. Una bella esperienza all’insegna della libertà, della condivisione, del piacere a patto che i grandi sappiano come e cosa “mettere in tavola”.

Cerchiamo di aiutarvi a rendere le cose un po’ più semplici, scegliendo cosa mangiare e come organizzare un pranzo in spiaggia con i bambini. Fondamentale dotarsi di una borsa frigo con almeno due ghiacciolini, tovaglioli, bicchieri e biberon se i bambini sono molto piccoli.

Per nutrire in maniera sana i bambini in spiaggia, occorre scegliere alimenti ricchi di sali minerali, potassio, acqua… è, infatti, molto importante quando siamo al mare ed esposti al sole bere molto, per garantire l’idratazione necessaria, per contrastare il calore.

Acqua, tanta acqua
Frutta, tanta frutta

Già, con il caldo tutti, ma soprattutto i bambini, dobbiamo bere tanto.
Ciò che non può assolutamente mancare nella vostra borsa frigo è naturalmente l’acqua. L’acqua è ancora più dissetante se in una bottiglia da un litro e mezzo si aggiunge il succo di mezzo limone. Il giorno prima potete mettere nel congelatore alcune bottigliette di plastica che si manterranno fresche più a lungo e serviranno a tenere fredde le bevande nel frigo portatile.

Meglio invece evitare le bevande zuccherate e gassate: sono poco dissetanti per la loro alta concentrazione di zucchero. Per lo stesso motivo è meglio evitare i the confezionati, troppo ricchi di zucchero e, quindi, di calorie. Meglio preparare il the in casa, addolcendolo con poco zucchero e tanto succo di limone. C’è anche il the verde, ricchissimo di antiossidanti e che non ha bisogno di essere zuccherato. I succhi di frutta sono ammessi ma non vanno considerati come sostituti della frutta, in ogni caso meglio scegliere quelli senza zuccheri aggiunti. Sì invece alla frutta, senza se e senza ma. L’estate ce ne offre tantissima e particolarmente appetitosa: pesche, albicocche, melone, anguria, prugne, susine, pere, fichi…

Cibo gustoso ma leggero

In spiaggia si può mangiare con gusto ma senza appesantirsi troppo. Meglio rimandare all’autunno piatti elaborati come pasta al forno o timballi, troppo ricchi di grassi che rallentano la digestione. Meglio optare, piuttosto, per un panino fatto con pane fresco, farcito con tanta verdura (pomodori, insalata, verdure grigliate) e qualche fetta di prosciutto o mozzarella. Un ottimo piatto “da spiaggia” è la classica insalata di riso. Il riso è ricco di amido, un tipo di carboidrato molto digeribile. Sì anche alle verdure dalle insalate ai pomodori, dai peperoni ai cetrioli… Se nelle vostre insalate di riso o di pasta avete aggiunto tonno o prosciutto o formaggio, non avrete bisogno di altre proteine. Meglio comunque evitare carne impanata fritta, troppo ricca in grassi. Anche le frittate sono sconsigliate in spiaggia. Pur essendo comode da portare fuori casa, le uova richiedono una lunga digestione.

Ci si ciba anche di giochi

Vietato annoiarsi se si mangia sotto l’ombrellone. Oltre a nuotare, a fare castelli di sabbia ci sono tante attività che si possono fare in spiaggia. Dove è possibile si può giocare a pallone, (se sulla spiaggia è vietato si può andare con i piedi in acqua) o a racchette o a bocce. Per i più piccini paletta, secchiello e formine sono intramontabili.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.