Genitori sì, ma anche coppia

Un bambino appena nato richiede grandi energie, da parte della madre ma anche da parte del neopapà. Spesso si dedicano così tante risorse alla costruzione del nuovo equilibrio familiare da dimenticare per un attimo che prima di essere genitori, si è stati coppia. Una coppia tanto innamorata ed affiatata da voler coronare il proprio sogno con la nascita di un bambino.

Ma è possibile far continuare a vivere anche i coniugi quando si diventa genitori?

La neomamma ha vissuto un enorme cambiamento; ha affrontato un percorso lungo nove mesi e dato la vita ad un cucciolo che ora necessita di lei.

Ma se la mamma si dedica anima e corpo al suo bambino, chi si prende cura di lei?

Il suo compagno, ora neopapà, è ancora l’uomo che le è stato vicino negli anni precedenti e può, anzi deve, preoccuparsi per lei. E la neomamma deve continuare a dedicare attenzioni, anche piccole, al neopapà.

Ma anche il papà deve comprendere il grande momento che sta vivendo la sua compagna. Deve accompagnarla nel percorso alla genitorialità con presenza, affetto e supporto. La neomamma sembrerà sempre molto occupata nelle cure al piccolo ma potrà farlo crescere armoniosamente solo se avrà accanto una persona che la aiuterà a rimanere anche donna, oltre che madre.

E allora perché non regalarsi un’uscita a due, magari per una cena o un cinema?

Sarà un modo per dedicare del tempo esclusivamente alla coppia, all’attenzione all’altro; ridurrà lo stress che spesso genera incomprensioni e aumenterà la voglia di stare insieme. Il piccolo ne avrà sicuramente giovamento, poiché crescerà in una famiglia in cui non solo si sentirà amato, ma vedrà due genitori che si prendono cura l’uno dell’altro.

Qualche consiglio:

Se allatti, prima di uscire e affidare il tuo bambino a chi se ne prenderà cura, spremi un po’ di latte materno. In questo modo non dovrai rincasare di corsa per paura che il piccolo abbia fame e potrai stare più tranquilla durante l’uscita.

Se sei preoccupata di lasciare solo il tuo bambino, affidalo a persone di fiducia: una sorella, una mamma o una suocera, magari un’amica con bimbi piccoli. Sarà sicuramente in buone mani!

Per stare più tranquilla, le prime volte chiedi al tuo compagno di non allontanarvi troppo da casa: la pizzeria dietro l’angolo o il cinema di quartiere possono essere una valida alternativa per iniziare gradualmente ad abituarti a piccoli distacchi.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.