Perdite ematiche dopo il parto

Il parto è andato per il meglio e ora ti ritrovi con un frugoletto tra le braccia da coccolare, nutrire e amare. Sei ufficialmente una puerpera!

Il puerperio è il periodo di tempo che inizia con la nascita del tuo bambino e prosegue per le successive 6 settimane. E’ un periodo di cambiamenti importanti, sia dal punto di vista fisico e psicologico, sia dal punto di vista sociale.

Eri una donna, ora sei anche una madre. Eravate una coppia, ora siete anche genitori.

Durante questo momento di forti emozioni e grandi cambiamenti, capita di avere qualche dubbio in merito ai sintomi che manifesta il corpo dopo il parto. Oggi ci occupiamo delle perdite ematiche, chiamate anche lochi.

Queste perdite di sangue dopo il parto sono del tutto fisiologiche: i lochi contengono sangue, muco, microrganismi e lembi di membrane. Inizialmente saranno abbondanti, ematici, ed assomiglieranno molto ad una mestruazione: si tratta dei cosiddetti lochia rubra, che durano circa una settimana.

Successivamente le perdite ematiche assumeranno un colorito marrone-rosato e diminuiranno di quantità diventando lochia serosa. In ultimo diverranno biancastri (lochia alba) e poi scompariranno.

Tutte queste perdite hanno una durata complessiva che non dovrebbe superare le 4-5 settimane. L’odore dei lochi non dovrà mai essere cattivo e la quantità tenderà a ridursi con il passare dei giorni.

Quando rivolgersi al medico?

La presenza di piccoli coaguli non è rilevante a meno che non sia correlata ad altri sintomi come lochi maleodoranti, febbre, malessere generale e dolore uterino.

E’ importante rivolgersi al medico nel caso in cui nei giorni successivi al parto si avesse una perdita ematica tale da bagnare un grosso assorbente in meno di 5 minuti.

Perdita ematica abbondante unita a palpitazioni, tachicardia e abbondante sudorazione e collasso merita approfondimenti adeguati.

 

Articolo a cura dell’Ost. Colombo Giulia

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.