oppiacei

Gli oppiacei in gravidanza

Molte donne negli Stati Uniti assumono oppiacei contro il dolore, soprattutto in età fertile, e questo spesso influenza negativamente la salute neonatale, poiché causa difetti nel feto.

Oppiacei

Lo studio ha preso in esame la prescrizione di oppiacei antidolorifici nelle donne tra i 15 e i 44 anni, tra il 2008 e il 2012: ne è emerso che il 27.7% delle donne con assicurazione medica privata e il 40% delle donne che utilizzava il servizio pubblico, ha avuto una prescrizione per questo tipo di farmaci.

Il problema principale è che molte donne assumono i medicinali senza sapere di essere incinte, quindi in epoca gestazionale molto precoce.

L’assunzione di oppiacei in gravidanza aumenta il rischio per il feto di sviluppare disturbi cerebrali, difetti del tubo neurale (spina bifida), patologie cardiache e sintomi di astinenza alla nascita.

Acido folico: prevenzione al primo posto –> Leggi l’approfondimento!

oppiacei

Sarebbe necessario, quindi, che i professionisti sanitari effettuassero indagini più approfondite prima di prescrivere oppiacei contro il dolore.

Inoltre, sebbene esistano casi in cui si rende necessaria l’assunzione di antidolorifici, esistono farmaci indicati in gravidanza.

Un altro dato allarmante consiste nel fatto che, probabilmente, il dato americano è sottostimato poiché prende in considerazione solo le prescrizione effettuate in farmacia e non quelle che avvengono nelle strutture ospedaliere o che ci si procura in maniera illecita.

Lo studio è stato pubblicato sul CDC journal Morbidity and Mortality Weekly Report.

 

Per ulteriori informazioni, leggi la fonte!

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.