Terremoto Adolescenza

Ragazzi mai raggiungibili, ma con il cellulare sempre in mano; ragazzi che chiedono di stare fuori fino a tardi, di truccarsi e andare in discoteca; ragazzi che rispondono male quando fino al giorno prima erano educati e rispettosi. Alieni? No, adolescenti!

Periodo di cambiamento e di esperienze, l’adolescenza spaventa i ragazzi ma anche i genitori che vivono sotto lo stesso tetto di quel figlio che non capiscono più.

Rassicurare dovrebbe essere la parola dominante: genitori rassicurate i vostri figli, ne hanno bisogno; hanno la necessità di sentirsi accettati, amati e normali.

Rispondere è la seconda strategia: i ragazzi hanno domande a cui cercano risposte vere. Quindi affrontate con loro tutti i dubbi che hanno, in maniera pacata e completa, non giudicante. Siate rassicuranti e preparati, parlate con chiarezza e non date consigli non richiesti.

Amare e rispettare: amate i vostri ragazzi e dimostrateglielo. Sembrano adulti ma hanno ancora un grande bisogno di certezze. L’amore per i figli non può essere condizionato, non deve venire meritato. Lo scontro può e deve esserci, ma deve avvenire nel rispetto reciproco.

I ragazzi cercano autonomia e vogliono i loro spazi. La famiglia rappresenta un rifugio sicuro, ma i ragazzi devono cercare la loro strada e fare le loro esperienze in autonomia. Si confronteranno con altri modelli e altri valori, ma quelli che avranno avuto da voi genitori con l’educazione saranno sempre fondamentali e li guideranno nelle scelte.

Perché devono avere la possibilità di scegliere: proveranno la prima sigaretta ma sceglieranno loro se diventare fumatori o no, si ubriacheranno ma comprenderanno il loro limite.

Sembra che i nostri figli non ci ascoltino, ma tengono in grande conto il nostro giudizio, dunque parliamo con loro e raccogliamo le loro confidenze. Dedichiamogli il nostro tempo.

Trasgredire diventa la regola. Il modo per limitare i danni è non rimanere fuori dal loro mondo:dando ai figli la possibilità di parlare con noi apertamente, senza rinunciare al nostro ruolo genitoriale. Definire le regole è fondamentale; è difficile farlo ma serve a stabilire i principi cardine come il rispetto, la sensibilità, la necessità di impegnarsi.

Stiamo tranquilli e aspettiamo che il Terremoto Adolescenza passi in fretta!

Articolo a cura dell’Ost. Colombo Giulia

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.