Pongo fatto in casa? La ricetta con ingredienti naturali!

La redazione del sito www.nonsprecare.it continua a proporre idee molto originali e divertenti, da poter realizzare, in questi giorni di vacanza, tutti insieme. La ricetta di oggi riguarda la preparazione del pongo, comunemente noto anche come didò, di consistenza simile alla plastilina o al DAS, la pasta modellabile, che i bambini adorano. Il pongo fatto in casa, realizzato solo con ingredienti naturali, morbido e colorato, è completamente atossico e, quindi, è adatto anche ai bambini molto piccoli. Lavorare la pasta è per i bambini un’attività molto rilassante. Inoltre, arrotolando, tagliando e incollando decorazioni come sassolini, stecchini, fiori e foglie su una base di pasta modellabile, incrementano la loro abilità manuale, divertendosi.

pongo

Cosa serve per fare il pongo?

L’occorrente necessario è riportato di seguito:

  • 2 tazze di farina bianca;
  • 1 tazza di sale fino, possibilmente passato nel frullatore, così da renderlo finissimo;
  • ½ tazza di amido di mais/maizena;
  • 2 cucchiai di olio di semi;
  • 1 cucchiaio abbondante/2 cucchiai di cremortartaro/bitartrato di potassio, acquistabile al supermercato, nel reparto dolci/lieviti oppure in farmacia (in alternativa, usate 2 cucchiai di succo di limone);
  • 2 tazze di acqua (preferibilmente bollente, se si vuole evitare la cottura);
  • coloranti alimentari;
  • aromi naturali, come l’olio essenziale di lavanda o la vanillina.

Procedimento

Secondo la preparazione che richiede cottura, il procedimento consiste, inizialmente, nel:

  1. Mescolare, all’interno del pentolino, tutti gli ingredienti nel seguente ordine, possibilmente: farina, sale fino, amido di mais/maizena, olio di semi, cremortartato e, infine, l’acqua, anche a temperatura ambiente.
  2. Fate cuocere per circa 5 minuti, a fuoco medio, mescolando bene finché il composto non sia denso e corposo, diventando faticoso da movimentare.
  3. Lasciate raffreddare il composto ottenuto e, poi, trasferitelo sul piano da lavoro. La pasta deve essere morbida da manipolare e piacevole al tatto.
  4. Formate un panetto, che poi dividete in più parti, tanti quanti i colori che intendete usare. Ad ognuna delle parti aggiungete qualche goccia di colorante alimentare.
  5. Lavorate l’impasto fino a quando la pasta modellabile non abbia incorporato bene il colore.

A piacere, aggiungetevi la vanillina perché il vostro pongo profumi di vaniglia oppure unitevi poche gocce di olio essenziale di lavanda, che dona un effetto calmante al bambino che ne aspira l’aroma.

Come conservare il pongo?

Il pongo fatto in casa si conserva, chiuso in un barattolo di vetro oppure rivestito di pellicola alimentare/nel sacchettino di plastica, nel frigorifero, per circa 3 mesi.

Se si dovesse indurire con il tempo, vi basterà ammorbidirla con poche gocce d’acqua, bagnandovi le mani prima di manipolarla.

Una ricetta per il pongo, senza cottura

La seconda ricetta proposta non prevede alcuna cottura: pronte per procedere? E’ semplice e velocissima da preparare.

  1. Mescolate gli ingredienti secchi insieme.
  2. Unitevi quelli liquidi, compresa l’acqua, solo alla fine, che deve essere bollente.
  3. Impastate pazientemente.
  4. Una volta ottenuto il panetto, dividete l’impasto in cinque parti. Ad ognuna aggiungetevi il colorante, preferibilmente liquido e, a piacere, poche gocce di aromi.
  5. Continuate ad impastare con cura, finché il colore non si è omogeneamente distribuito.

pongo

Non dimenticate di coinvolgere i bambini nell’attività di impastare: lavorando l’impasto, infatti, i piccoli stimolano lo sviluppo sensoriale e si tranquillizzano, divertendosi a schiacciare, tirare e colorare l’impasto.

Buon lavoro, di cuore, a tutti ma, soprattutto, buon divertimento!

pongo

Vuoi un’altra idea per i tuoi bambini? Ecco come fare i timbri con la verdura!

In alternativa, puoi acquistare il pongo nei negozi di giocattoli. Ricorda di comprare da siti affidabili prodotti a marchio CE come Piemonti Giocattoli 

Articolo a cura di Gloria Beatrice

 

Fonte:

www.nonsprecare.it

www.equazioni.org

www.quandofuoripiove.com

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.