Probiotici

Probiotici nei succhi di frutta: prodotti innovativi

A cosa servono i probiotici?

I probiotici sono, solitamente, associati alla salute gastro-intestinale. Nel Regno Unito, il 66% dei consumatori che conosce i probiotici crede che i benefici risiedano nell’aiutare la digestione, ma solo il 31% associa i probiotici al potenziamento del sistema immunitario.

latteDove si trovano i probiotici?

I probiotici si trovano più frequentemente nei prodotti caseari (70%) e negli alimenti per l’infanzia (10%); il loro utilizzo è limitato però dalla vitalità del ceppo utilizzato perché alcune tecniche di lavorazione possono essere nocive per la sopravvivenza dei microrganismi.

Un ceppo innovativo: BC30

E’ stato brevettato un ceppo (BC30) più resistente, in grado di sopravvivere a pH molto acidi e di tollerare tecniche di condizione e lavorazione estreme. BC30 supporta la salute immunitaria alla concentrazione di 500 milioni di UFC e promuove la salute digestiva alla concentrazione di un miliardo di UFC; è quindi utilizzato in una vasta gamma di prodotti inclusi succhi di frutta, cereali, caffè, cioccolato…

probioticiIniziative commerciali, ma non solo

Due aziende casearie scandinave si sono unite per promuovere sul territorio i benefici dei probiotici nei succhi di frutta. I nuovi succhi saranno interessanti per i consumatori intolleranti al lattosio che però desiderano assumere probiotici o che per altre ragioni non amano i prodotti caseari.

Gli USA sono il mercato leader per l’introduzione di nuovi prodotti: il 30% dei succhi probiotici lanciati negli ultimi anni è americano. Seguono Finlandia e Svezia, che rappresentano il 24% e il 18% dei lanci di succhi probiotici.

Più comune è la presenza sul mercato di succhi contenenti fibra prebiotica, sebbene non ne vengano messi in luce i benefici. I consumatori sembrano fidarsi dei probiotici ma solo in formati familiari e continuano ad associare positivamente solamente alcuni alimenti alla salute digestiva.

I claim per la salute dell’apparato digerente sono rari nei succhi di frutta poiché i succhi probiotici sono ancora un mercato di nicchia. L’aggiunta di probiotici ai succhi è complessa poichè i consumatori associano la presenza di probiotici a prodotti simili allo yoghurt piuttosto che considerarli ingredienti funzionali, utilizzabili in altri alimenti.

Che cosa ne pensano i consumatori?bibite-gassate2

Il 72% dei consumatori inglesi di prodotti caseari afferma che questi alimenti promuovono la salute digestiva; in Spagna 7 persone su 10 concordano anche sul fatto che i latticini sono un alimento benefico per l’intestino; in Italia il dato è del 67%, seguono Germania e Francia. Queste opinioni derivano dal fatto che i benefici dello yoghurt sulla salute digestiva sono noti, mentre il consumatore non conosce i benefici specifici del probiotico.

Le ricerche condotte negli USA mostrano che i giovani sono la popolazione più affetta da problemi gastro-intestinali, a causa dello stress e degli stili di vita, che influenzano negativamente la loro vita sociale. I giovani sono, quindi, un potenziale cliente per il lancio di prodotti probiotici alternativi perché consumano grandi quantità di succhi di frutta.

Conclusioni

Dunque, i consumatori associano i probiotici presenti nei prodotti caseari con la salute dell’apparato digerente ma non hanno familiarità con l’uso di probiotici come ingredienti di altre bevande. L’incorporazione di probiotici in prodotti di uso quotidiano può incrementare la possibilità che i consumatori assumano la dose di probiotici efficace ad una buona salute. I giovani e gli intolleranti al lattosio potrebbero essere particolarmente interessati ai succhi contenenti probiotici.

 

Per saperne di più su probiotici e loro importanza, leggi il nostro articolo Probiotici contro il raffreddore!  

 

Link utili:

Integratori alimentari a base di probiotici: Linee Guida Italiane

Linee guida su probiotici e prebiotici – Revisione maggio 2013

 

Fonte:

Il mercato dei probiotici. Nuove categorie merceologiche. Indagine Mintel (2014)

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.