Un nuovo strumento monitora il nostro sonno

Si chiama Withings Aura ed è un nuovo device che ha lo scopo di analizzare il nostro sonno e di dirci quanto dormiamo e se riposiamo bene. Ma non solo! Lo strumento ci viene in aiuto anche in caso di insonnia, è in grado di riprodurre musiche rilassanti che stimolano il sonno e di proiettare luci tenui che simulano il tramonto.  La mattina Withings Aura ci sveglia con toni soft e una tenue luce blu.

paralisi notturnaIl device si compone di due parti: un sensore del sonno da mettere sotto il materasso (Withings) e uno strumento simile ad una lampada con sveglia da appoggiare sul comodino (Aura). Il sensore e la lampada comunicano via Bluetooth con un’app scaricabile su smartphone (attualmente non disponibile per Android) per sincronizzare la sveglia.

Il design è moderno e l’utilizzo intuitivo e semplice; la superficie è touch e Aura può essere comandato tramite movimenti della mano. Ad esempio basta un tocco per attivare la modalità notturna e ruotando la mano è possibile abbassare il volume o regolare la luminosità.

Aura comincia il suo ciclo notturno con una luce rossa: l’idea di fondo deriva da alcuni studi che hanno associato alcune lunghezze d’onda dei colori alla secrezione di melatonina che regola il ritmo sonno-veglia. Il rosso pare promuovere la secrezione di questo ormone, rendendo sonnolenti. La luce blu invece interferisce con la produzione di melatonina ed è per questo che viene proiettata la mattina.

Melatonina: come funziona

Il sensore monitora i movimenti durante la notte per determinare le varie fasi del sonno. Al mattino i dati sono disponibili su un grafico nell’app apposita, insieme alla durata del sonno, al numero di risvegli notturni e al tempo che è servito per addormentarsi.

Aura ha anche una funzione accessoria dedicata ai riposini pomeridiani. Scegliendo questa opzione il device accompagna la persona in un riposo rilassante della durata di 20 minuti.

Che ne dite?

 

Fonte:

http://www.withings.com/us/withings-aura.html

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.