Posizione Occipito-Posteriore: cosa significa?

L’importanza delle fontanelle

Durante il travaglio possiamo sentir parlare di posizione occipito-posteriore del feto.

Ma di cosa si tratta? Cosa comporta questo evento?

fontanelle

Innanzitutto comprendiamo cosa si intende con la parola POSIZIONE. Si definisce posizione fetale il rapporto tra le suture craniche/fontanelle del feto e il bacino materno.

Le due fontanelle principali si chiamano bregmatica (anteriore o grande) e lambdoidea (posteriore o piccola). Dunque la fontanella posteriore identifica l’occipite del feto, e può orientarsi in maniera differente nel bacino materno: possiamo trovare l’occipite rivolto verso il pube della donna o verso l’osso sacro.

Si parla di posizione occipito-posteriore quando l’occipite del piccolo è rivolto posteriormente, verso la colonna vertebrale della sua mamma. La nuca del feto si confronta con la cavità dell’osso sacro e la fronte con la sinfisi pubica materna.

Prima del travaglio questa condizione si presenta nel 15-20% dei casi: molti di questi bambini ruotano anteriormente in travaglio. L’incidenza di parti in posizione occipito-posteriore è del 5%.

Cosa può accadere?

E’ importante diagnosticare questa posizione fetale perché può condurre a distocie del travaglio e complicanze.

Infatti durante il travaglio si possono verificare due alternative:

  1. il feto ruota spontaneamente e posiziona l’occipite e quindi la sua schiena, in avanti, verso il pube della donna: il parto avverrà in maniera normale.
  2. il feto ruota completamente verso la colonna vertebrale materna: il parto avverrà in posizione posteriore.

https://www.youtube.com/watch?v=ZDP_ewMDxCo

Se il piccolo è in posizione posteriore, possiamo aiutarlo a girarsi in posizione anteriore. Come?

  • Assumiamo le posizioni che riteniamo più comode, in cui sentiamo meno dolore a livello lombare.
  • Mettiamoci sul fianco o a carponi.

Se però il feto decide di completare la rotazione in posizione posteriore il periodo espulsivo potrebbe  prolungarsi. In questi casi è opportuno che il benessere fetale venga monitorato attentamente.

Il parto con feto in posizione occipito-posteriore provoca una grande distensione del pavimento pelvico, che potrebbe condurre a lacerazioni profonde: in questi casi si potrebbe rendere necessario il ricorso all’episiotomia.

Curiosità:

La posizione occipito-posteriore fetale è più frequente in donne nullipare, afro-americane, con età >35 anni e obese.

 

Il tuo bambino è podalico? Scoprine di più nel nostro articolo!

 

Articolo a cura dell’Ost. Colombo Giulia

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.