Stare seduti troppo a lungo fa male alla salute

Lavori al computer tutto il giorno? Guardi molta televisione? Ti muovi poco ed hai uno stile di vita sedentario?

Una ricerca afferma che le persone che stanno a lungo sedute durante l’arco della giornata, hanno un rischio maggiore di sviluppare diabete, patologie cardiache, tumori e presentano un’aspettativa di vita inferiore, anche se fanno attività fisica.

camminare-caloriePiù della metà della giornata viene passata in maniera sedentaria dalle persone comuni –  seduti al computer o a vedere la televisione- e i benefici apportati dallo sport non sembrano sufficienti a ridurre il rischio di patologie.

Lo studio è stato condotto dai ricercatori dell’Università di Toronto, ed ha analizzato numerosi lavori scientifici sul tema sedentarietà e rischio di patologie.

Dagli studi presi in esame non emerge quanto sia il tempo raccomandato da passare seduti, ma pare che chi passa 8 ore o più stando seduto, ha un rischio aumentato di avere effetti negativi sulla salute.

Si stima che la sedentarietà aumenti del 18% il rischio cardiovascolare e del 17% il rischio di tumore, in particolare al seno, al colon, all’intestino, all’ovaio e all’endometrio. Inoltre stare fermi e seduti a lungo incrementa del 91% il rischio di ammalarsi di diabete di tipo 2.Merenda golosa

Chi svolge regolare attività fisica abbassa il rischio di contrarre patologie legate alla sedentarietà, tuttavia i benefici dello sport non controbilanciano adeguatamente i rischi dello stare seduti a lungo.

Le persone che passano per lavoro molto tempo sedute dovrebbero alzarsi spesso, camminare, prendere i mezzi pubblici ed evitare gli snack fuori pasto.

 

Fonte:

Biswas A, Oh PI, Faulkner GE, Bajaj RR, Silver MA, Mitchell MS, et al. Sedentary Time and Its Association With Risk for Disease Incidence, Mortality, and Hospitalization in Adults: A Systematic Review and Meta-analysis. Ann Intern Med. 2015;162:123-132.  doi:10.7326/M14-1651

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.