Proteggersi dal sole, sempre!

Le radiazioni ultraviolette (UV) del sole possono danneggiare la pelle molto delicata dei bambini e favorire, nel tempo, lo sviluppo di tumori cutanei fra cui, il più temuto, è il melanoma.

sole

I danni causati dai raggi solari sono particolarmente pericolosi per lattanti e bambini piccoli: la maggior parte delle vittime di ipertermia, infatti, è di età compresa fra 0 e 4 anni.

Per godersi, nella più totale sicurezza, il sole è utile seguire questi semplici, ma importanti consigli:

  • bambini fino all’anno di vita non devono essere esposti alla luce diretta del sole; più avanti, si deve procedere molto gradualmente all’esposizione, per periodi di tempo limitati (non più di un’ora);
  • l’esposizione va limitata se il bambino è di fototipo I e II (con difficoltà ad abbronzarsi e/o facilità a scottarsi; solitamente si tratta di individui con occhi chiari e capelli rossi, biondi o castano chiari, carnagione lattea);
  • evitare di fare uscire i bambini all’aperto nelle ore più calde della giornata, cioè dalle 11.00 alle 18.00;
  • evitare l’esposizione diretta dei bambini al sole dalle 00 alle 18.00;
  • nelle ore più calde della giornata, fra le 11 e le 16, quando l’intensità delle radiazioni UVB è massima, indossare indumenti protettivi, di cotone o di lino, che non ostacolano la traspirazione, berretti a visiera e occhiali da sole o ripararsi all’ombra;
  • preferire sempre le prime ore mattutine e il tardo pomeriggio;
  • applicare sempre prodotti ad alta protezione, nei confronti dei raggi UVA e UVB, resistenti all’acqua, privi di additivi, come profumi, anche sotto l’ombrellone. Nello specifico, la Food and Drug Administration (FDA) sconsiglia l’uso di creme solari nei bambini al di sotto dei 6 mesi di vita: la migliore protezione -aggiungono gli esperti- consiste nell’ombra, garantita dalla calottina di protezione o dall’ombrellino della carrozzina e/o del passeggino e nell’adeguato abbigliamento. Per i bambini fino a 6 anni, è consigliabile usare la protezione molto alta (SPF 50+) per tutta la durata della vacanza. Dopo i 7 anni, inizialmente, si può usare una crema con SPF (Sun Protection Factor) compreso fra 50 e 30, a seconda del fototipo; man mano che i bambini si abbronzano, si può passare alla protezione alta (SPF 30) e, poi, media (15-20).
  • prediligere creme solari “riflettenti solari” che agiscono respingendo i raggi, piuttosto che assorbendoli;
  • spalmare la crema almeno 20 minuti prima dell’esposizione su tutta la pelle in modo omogeneo, con particolare attenzione al naso, agli zigomi, alle labbra, alle orecchie, al contorno degli occhi, al collo, al dorso di mani e piedi;
  • riapplicare il prodotto solare dopo ogni bagno, anche se resistente all’acqua;
  • rinnovarne l’applicazione, in generale, ogni due ore;
  • far indossare ai bambini, soprattutto quando giocano al sole, un cappello con protezione della nuca o un berretto a tesa larga, indumenti protettivi e applicare regolarmente la crema protettiva;
  • ricordare sempre che il rischio di scottature permane, anche, nelle giornate nuvolose.

“Al mare con i nonni!”–> Leggi l’approfondimento!

sole

Per contrastare il calore, in particolare, è sempre utile:

  • far bere acqua, non fredda, in piccole quantità, ma frequentemente, durante il giorno; preferire l’acqua ad altre bevande, specialmente se gassate;
  • preparare cibi freschi e leggeri, ricchi di acqua; privilegiare, in particolare, frutta e verdura fresca, lavata molto bene prima della loro consumazione;
  • mantenere, il più possibile freschi, i locali dove soggiorna il bambino, aerando al mattino presto e di notte; durante il giorno, è sempre consigliabile oscurare i vetri delle finestre esposte al sole.

In vista delle imminenti vacanze, leggi anche l’articolo “Bambini e mezzi di trasporto: consigli pratici per i vostri viaggi!”.

Buon mare a tutti!

sole

 

Articolo a cura di Gloria Beatrice

 

 

Fonte:

www.salute.gov.it

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.