Umbria: terra di cioccolato, tartufo e paesaggi

Paesaggi incontaminati, immersi nel verde delle valli, e antichi borghi fanno dell’Umbria una regione incantata.
Una terra, fatta di colline, monti e valli, che nasce nel cuore dello stivale e si estende sul medio bacino del Tevere.

umbria L’Umbria è anche la regione del Lago Trasimeno, il maggiore lago dell’Italia centrale, nel cui territorio sono presenti, ancora oggi, i resti di insediamenti etruschi, specie nell’area di Castiglione del Lago, località che unisce al fascino del paesaggio naturale, il romanticismo e la quiete delle acque del lago.
Dalle acque del Trasimeno si passa alle acque delle Cascate delle Marmore nei pressi di Terni, considerate tra le più belle d’Europa.
Le cascate che si tuffano nel fiume Nera con un salto spettacolare di 165 metri, sono avvolte da una vegetazione rigogliosa e sono meta di sportivi amanti di canoa, kayak e non solo.

I borghi

gubbioTra le perle della regione spicca Assisi, che ha dato i natali a San Francesco, patrono d’Italia, e a Santa Chiara. l fascino dell’Umbria nasce dalla fusione tra arte e natura, dalla pace e serenità che ispirano i suoi luoghi evocativi, dalla presenza di capolavori rinascimentali e dai borghi medioevali incastonati nelle colline.
Gubbio, la città più antica dell’Umbria, nel medioevo raggiunse il massimo splendore; la cattedrale, il palazzo dei Consoli simbolo della città, il palazzo Ducale, sono solo alcune testimonianze che fanno di questa città un vero e proprio gioiello.
Altri luoghi di fascino tra gli innumerevoli che troviamo in Umbria, sono Orvieto con il suo famoso Duomo, uno dei capolavori dell’arte gotica italiana ed il Pozzo di San Patrizio, capolavoro di ingegneria intorno al quale girano due scale elicoidali non comunicanti con 248 scalini da percorrere per raggiungere l’acqua a 62 metri di profondità.
Spoleto, città che vanta storia millenaria di cui ancora conserva l’architettura medioevale e rinascimentale.

Basilica_SanFrancesco_Assisi_notturnaTra arte e spiritualità, indimenticabile sarà la visita alla città medioevale di Assisi, iscritta nella lista dei siti Unesco “Patrimonio Mondiale dell’Umanità” . Tutto parla del suo cittadino più illustre, San Francesco, Patrono d’Italia, dalla Basilica a lui dedicata con la tomba del Santo, all’Eremo delle Carceri, poco fuori le mura della città, dove il santo si ritirava in preghiera.
Perugia, capoluogo dell’Umbria, è una città di origini antiche.
Il centro storico è un pullulare di capolavori di arte ed architettura con un patrimonio museale tra i più ricchi d’Italia. Perugia è un vero e proprio centro culturale: due università e alcune manifestazioni di eco internazionale ne fanno una città cosmopolita di grande interesse turistico.

I percorsi nella natura

L’Umbria è il luogo ideale per chi ama stare a contatto con la natura e scoprire boschi, castelli, santuari, borghi e magnifici paesi.

Un affascinante percorso in luoghi senza tempo è quello della Via Francigena di San Francesco, da percorrere a piedi, ci mette in contatto con paesaggi sconfinati in una dimensione intimistica, da un lato, e di convivialità con gli altri pellegrini, dall’altro.
Lungo il cammino è possibile trovare diverse strutture ricettive presso cui dormire.
vino umbria
Altro itinerario interessante è quello delle famose “strade del vino”. Un viaggio nei centri più importanti dell’Umbria, dove degustare i buoni vini, e conoscere tradizioni enogastronomiche ed artigianali del posto. Sono molte infatti le botteghe artigiane in cui si lavora la ceramica, il vetro, e il legno:  tipiche espressioni di una cultura tradizionale di origini antiche.
Obbligatoria anche una visita ad uno dei tanti frantoi sparsi sul territorio.

La gastronomia

Considerata terra dai grandi sapori, l’Umbria soddisfa ogni palato: per gli amanti della carne il fiore all’occhiello è il maiale che grazie all’abilità dei norcini viene trasformato in salsicce e salumi, conosciuti quelli di Norcia.

Il ricco assortimento di pietanze va di pari passo con la qualità genuina dei prodotti della terra, tra i quali il tartufo è il principale protagonista. La varietà più diffusa è quella del tartufo nero, molto apprezzato come condimento per la pasta e con la selvaggina soprattutto ma anche il pregiato tartufo bianco, che si può trovare soprattutto nelle zone di Orvieto e Gubbio.cioccolato_perugia

Tra i dolci non si può rinunciare al dolce tipico, il panpepato, e al cioccolato perugino.

Il terreno umbro, infine, è particolarmente adatto alla viticoltura ed il clima temperato ha permesso a questa terra di produrre pregiati vini bianchi e rossi doc.

 

 

Link utili:

Turismo Umbria

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.