Gli effetti dell’ allattamento sul QI

L’ allattamento al seno ha chiaramente degli effetti a breve termine sul neonato, riduce la mortalità e le infezioni infantili,  ma ha anche conseguenze a lungo termine.allattamento-al-seno

I risultati di una metanalisi di 14 studi osservazionali mostra che l’allattamento è associato ad un aumento di 3-5 punti nei test d’intelligenza per bambini e adolescenti. Due trial clinici hanno indagato questo tema: in Bielorussia, il QI a 6 anni era maggiore di 7 punti nei bambini allattati rispetto al gruppo di controllo; in Inghilterra i nati pretermine che avevano ricevuto latte materno avevano punteggi più alti ai test, rispetto ai bambini che avevano assunto latte in formula.

Tre studi osservazionali hanno indagato l’associazione tra allattamento e performance intellettiva in età adulta: in Danimarca si è scoperto che la durata dell’allattamento era direttamente collegata con il QI elevato; in Nuova Zelanda si è giunti ai medesimi risultati.

Proprio grazie all’associazione positiva con intelligenza e scolarità, ha preso piede l’ipotesi che l’ allattamento potrebbe avere effetti anche sul salario medio e la posizione ricoperta sul posto di lavoro.

 

Intervista a Bernardo Lessa Horta, responsabile dello studio sull’associazione tra allattamento, QI, scolarità e guadagno medio a 30 anni

 

Uno studio ha indagato gli effetti della durata dell’ allattamento sul quoziente intellettivo, la scolarità e la posizione lavorativa occupata a 30 anni. La ricerca è iniziata negli anni ’80 in Brasile e i ricercatori hanno poi studiato il QI di 3493 neonati su 5914 arruolati dopo 30 anni. All’analisi dei dati è emerso che la durata totale dell’ allattamento e l’ allattamento esclusivo o predominante al seno sono associati con un livello di QI più elevato, maggiore scolarizzazione e reddito.

E’ stato evidenziato che maggiore è la durata dell’ allattamento, migliori sono gli outcomes: i neonati allattati per 12 mesi o più avevano punteggi di QI più alti, andavano a scuola di più e la busta paga era migliore rispetto ai neonati non allattati.

In questo studio, la durata dell’ allattamento è correlata positivamente con la performance nei test intellettivi, i risultati scolastici e lo stipendio a 30 anni. Questi risultati sono importanti per la salute pubblica, nonostante lo studio abbia alcune limitazioni. Ad esempio non è stata indagata l’influenza dell’ambiente socio-economico o il bonding materno sui bambini.

L’effetto positivo dell’ allattamento sembra correlato ad alcune componenti del latte materno, come la presenza di acidi grassi a catena lunga, essenziali per lo sviluppo cerebrale.

Questo studio è il primo a suggerire la presenza di effetti a lungo termine dell’ allattamento sull’intelligenza adulta e i risultati scolastici, oltre che sul guadagno medio.

L’ allattamento è quindi associato con un miglioramento della performance intellettiva a 30 anni e potrebbe avere effetti importanti sulla vita reale, aumentando la scolarità e la posizione lavorativa in età adulta.

 

Fonte:

The Lancet

 

Articolo a cura dell’Ost. Colombo Giulia

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.