sonno

Problema del sonno: ultimi approcci

Vecchi e nuovi approcci

Non tutti gli approcci ai problemi del sonno, oggi di moda, vi sembreranno nuovi. Alcuni, come fasciare il neonato, sono usati da sempre. I genitori di oggi tendono ad adottarne sempre uno nuovo o ad ideare uno stile particolare, tutto loro, e abbinare elementi di pratiche diverse.

Solitamente, tendono ad analizzare più a fondo i problemi, di quanto non accadeva in passato, e ne escono con soluzioni più chiare e strutturate.

sonno

Un diario del sonno

Si tratta di uno strumento utile, che consente di individuare la difficoltà, e, così facendo, di trovare una possibile soluzione. Tenere un diario del sonno favorisce la rimozione del senso di colpa: una volta monitorato ciò che accade, tutti smettono di agitarsi e possono essere più obiettivi. Si può, velocemente, individuare una certa tendenza e agire di conseguenza.

Con un semplice controllo, è facile valutare se il piccolo sta dormendo abbastanza ma, anche, dove e quando dorme.

Inoltre, vi consente di vedere cosa la famiglia può fare per aiutare oppure ostacolare le abitudini al sonno del bambino.

La maggior parte dei diari del sonno adottano lo stesso modello e possono essere registrati su un foglio di carta o un quaderno. Tutti coloro che, in casa, lo accudiscono dovrebbero conoscerlo e dare il proprio contributo. Questi “controlli monitorati” possono essere compilati per una settimana, periodo sufficiente a far emergere una determinata abitudine.

Voci del diario del sonno:

  • Ora in cui il bambino si sveglia

  • Ora e durata dei riposini, durante il giorno

  • Ora alla quale iniziate a preparare il bambino per la notte

  • Ora in cui va a letto

  • Ora in cui si addormenta

  • Ora(e) in cui si sveglia la notte

  • Cosa fate in quei casi

  • Ora in cui si riaddormenta

Cosa può emergere da un diario del sonno

I punti che seguono sono una serie di fattori da considerare, per aiutare il piccolo ad acquisire buone abitudini di sonno.

  • Se il bambino si alza troppo presto al mattino, si addormenta troppo presto il pomeriggio e arriva a sera stanco e nervoso.

  • Se il sonnellino pomeridiano viene fatto troppo presto, il bambino arriva a sera stanco e nervoso.

  • I bambini, spesso, hanno bisogno di seguire una loro routine. Nelle giornate in cui, per qualsiasi motivo, la routine non viene rispettata, il bambino fa più fatica ad addormentarsi.

  • Se il bambino fa fatica ad addormentarsi la sera, forse i riposini pomeridiani incominciano ad essere troppi. Crescendo, il bambino riduce i riposini pomeridiani da 2 a 1 e poi, dai 4 anni circa, non dorme più nemmeno il pomeriggio.

Fasciare

Per aiutare un neonato ad addormentarsi, una mamma lo può fasciare o avvolgere in uno scialle o in una copertina: la sensazione di sentirsi così stretto dà ai bambini un grande senso di sicurezza. E’, inoltre, un ottimo sistema per calmare un bambino inquieto.

sonno

Per fasciare un bambino, si possono seguire questi semplici consigli:

  • piegate lo scialle (o una copertina leggera) a metà, a formare un triangolo e adagiatevi sopra il bambino, con la testa al centro del lato più lungo;

  • piegate una punta dello scialle intorno al bambino e rincalzatela bene dietro la sua schiena;

  • ripetete con l’altra punta;

  • infilate il fondo dello scialle sotto i piedi del bambino, per tenerli coperti;

  • accertatevi sempre che la sua testa sia scoperta e le braccia libere, quindi adagiatelo nel suo lettino sulla schiena.

L’avvolgimento stretto mantiene le braccia del bambino in una posizione confortevole, che lo fa sentire al sicuro e gli consente di dormire a lungo. Se fasciato e con gli arti liberi di muoversi mentre dorme, sarà meno probabile che si svegli.

Dategli un’occhiata quando si sveglia e controllategli la temperatura, toccandogli la pelle. Sfasciatelo, se vi sembra troppo caldo.

Quando lo fasciate, non copritegli mai la testa e usate solo materiali leggeri.

La fasciatura è adatta soltanto per bambini fino alle 10 settimane; dopo, un bambino si libererebbe in un attimo e scalcerebbe via le coperte con le gambine.

Per informazioni, sempre precise e dettagliate, visita la nostra sezione “Attualità e Salute“: vi aspettiamo!

Fonte:

ESSERE NONNI OGGI – Guida completa per prendersi cura del proprio nipote sin dai suoi primi giorni di vita” Miriam Stoppard, red!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.