Bebè a bordo: come viaggiare in sicurezza

Quanto è bello viaggiare con il bebè a bordo, ma quanto sappiamo sui sistemi di sicurezza che dobbiamo predchild-85321_640isporre, e soprattutto utilizzare, per garantire loro la massima protezione? Ecco un piccolo promemoria per ripassare velocemente le regole di sicurezza per viaggiare in totale tranquillità essendo certi di aver predisposto le misure più adatte per il nostro bimbo.

E sì, perché i dispositivi e le regole cambiano in relazione al peso e all’altezza del piccolo passeggero. Quando il vostro cucciolo ha pochi mesi di vita, dovrà essere trasportato utilizzando le navicelle, vale a dire culline imbottite che vengono assicurate al sedile tramite le cinture di sicurezza. Potrete continuare ad utilizzare le navicelle fino ai 10 kg di peso. Fin dall’inizio, tuttavia, potreste anche optare per il seggiolino a patto che il bimbo non stia troppo largo e che la testa del bimbo possa essere sostenuta anche lateralmente così da non essere sballottata a destra e sinistra quando si affrontano le curve o se il piccolo dovesse addormentarsi.

Fino ai 9 kg di peso il bimbo deve essere trasportato in senso contrario alla marcia dell’auto. Se proprio non riuscite a rinunciare al piacere di posizionarlo accanto a voi sul sedile anteriore dovete avere la certezza che l’airbag possa essere disattivato e assicuratevi che lo sia ogni volta che il piccolo viaggia a fianco del conducente. vehicle-69771_640E’ pur vero che spesso avere il piccolo a portata di mano consente di controllarlo e di intervenire per coccolarlo e calmarlo se dovesse piangere, offrirgli acqua se ha sete, pulire un piccolo rigurgito e così via. Resta comunque il fatto che il posto più adatto è il sedile posteriore, al centro, che protegge anche da eventuali urti laterali.

Quando il piccolo avrà raggiunto e superato i 10 kg si può cominciare a sistemare il seggiolino in senso di marcia, avendo cura che lo schienale sia ben appoggiato al sedile della macchina e le cinture presenti sul dispositivo siano sempre allacciate, anche per brevi tragitti. Non cedete ai capricci che inevitabilmente i bambini fanno quando si sentono “costretti” in un seggiolino, è naturale che preferiscano scorrazzare liberamente sui sedili ma ricordate sempre che non soddisfare quel capriccio potrebbe salvare loro la vita o evitare ferite, contusioni e conseguenze molto serie in caso di incidente.

Il seggiolino deve essere utilizzato fino al raggiungimento del peso di 18 kg, dopo di che si possono anche usare gli adattatori: piccoli sedili che, sollevando il bambino, permettono di usare le cinture di sicurezza dell’auto che però vanno passatefamily-932245_640 sotto le alette poste ai lati di questi dispositivi, in senso longitudinale al torace. In generale è bene ricordare che i sistemi di sicurezza presenti negli autoveicoli non sono adatti a persone di altezza inferiore al metro e mezzo.

Al momento della scelta tenete presente che esistono due tipi di adattatori: i rialzi e i trivalenti. I primi sono adatti a partire dai 4 anni di età, ma fino all’età di 7/8 anni sono preferibili i trivalenti: danno la possibilità di innestare uno schienale e spesso anche un poggiatesta regolabile. Questo consente un migliore comfort di viaggio per il piccolo, sostenendo corpo e testa evitandogli di ciondolare seguendo gli scossoni della macchina.

Riassumendo, per un bebè a bordo in piena sicurezza dovrete prevedere l’acquisto di tre dispositivi mano a mano che il piccolo cresce: navicella, seggiolino e adattatore. Solo così potrete garantire la protezione necessaria al vostro piccolo: buon viaggio!

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.