In volo con il bebè

Si avvicinano le vacanze e con l’arrivo della bella stagione fervono i preparativi per organizzare al meglio il viaggio che ci consentirà di raggiungere la meta preferita. Mare o montagna, capitale straniera o luoghi esotici, quando si viaggia con un bimbo piccolo è bene adottare qualche accorgimento in più per garantirgli il massimo comfort.

airport-731196_640Se a preoccuparvi è il viaggio in aereo, dovete sapere che oggi tutte le principali compagnie predispongono apposite guide con tutte le informazioni necessarie per fugare qualsiasi dubbio e conoscere tutti i piccoli vantaggi di cui possono godere i genitori che viaggiano con i loro pargoli.

Se il vostro bimbo è molto piccolo, non di rado potrete godere del servizio di pre-assegnazione del posto a bordo con la possibilità di richiedere un posto particolarmente comodo in base alle vostre esigenze. Generalmente i bambini sotto i due anni non pagano il biglietto o hanno delle riduzioni, e viaggiano in braccio agli adulti che li accompagnano. Nei viaggi di lunga tratta come quelli intercontinentali, alcune compagnie aeree danno la possibilità di richiedere una culla a bordo per il piccolo.

Verificate se la vostra compagnia aerea consente di portare a bordo un passeggino, in caso positivo dovrà essere completamente pieghevole, e potrete riporlo sotto il sedile anteriore o nel vano portaoggetti.

Prima dell’imbarco, non fate bere al piccolo bevande eccitanti ma preferite al loro posto del latte, camomilla oppure plane-691084_640dei succhi di frutta. In quasi tutti gli aeroporti si trovano aree dedicate al cambio del pannolino, approfittatene prima di salire a bordo dove potrebbe essere un problema trovare lo spazio per questa semplice operazione. Per combattere la noia dell’attesa e poi, durante il volo, quella del viaggio portate con voi qualche gioco e sfruttate le aree baby friendly che molti aeroporti mettono a disposizione per i piccoli passeggeri in attesa di imbarco.

Scegliete un abbigliamento comodo per il piccino e soprattutto vestitelo a strati, così da poter prevenire eventuali disagi in caso di sbalzi di temperatura. Se una volta in quota il piccolo dovesse avere freddo potreste richiedere agli assistenti di volo una copertina.

baby-33252_640Infine, due parole sul mal d’orecchie ad alta quota: è il disturbo di volo più frequente soprattutto fra i viaggiatori più piccoli. È consigliabile quindi prenotare una vista specialistica prima di partire per appurare eventuali problemi come l’otite per prevenire questo problema una volta a bordo dell’aereo. Gli sbalzi di pressione che si verificano in fase di decollo e di atterraggio possono essere facilmente “compensati” con una caramella per i bimbi più grandicelli, con un ciuccio o un biberon con un po’ di latte per i neonati.

In ogni modo, prima di partire verificate sul sito della vostra compagnia aerea o con l’agenzia di viaggi tutte le informazioni e le possibilità riservate ai piccoli viaggiatori.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.