Vellutata di verdura all’uovo

Dopo il nono/decimo mese al piccolo possono essere preparate svariate minestrine e la vellutata di verdura all’uovo può essere una variante ideale per la consistenza morbida ed il sapore delicato.

carrots-482354_640Sarà bene iniziare gradualmente ad introdurre nuovi alimenti nella dieta del piccolo, in particolare per l’uovo dovreste cominciare con un cucchiaino di tuorlo rassodato: se non si verificano reazioni allergiche quali macchie sulla pelle o diarrea, potrete aumentare la quantità fino ad arrivare al tuorlo intero. Chiedete sempre consiglio al pediatra tuttavia, che valuterà il momento e le modalità migliori per introdurre nuovi alimenti nella dieta del vostro bambino.

Nel caso in cui il vostro pediatra abbia dato “l’ok”, per preparare la vellutata potete procedere come segue: procuratevi quattro patate di medie dimensioni, due carote, mezzo etto di spinaci freschi oppure due zucchine medie, mezzo etto circa di ricotta freschissima, un tuorlo d’uovo e per finire uno o due cucchiaini di olio extravergine di oliva.cheese-689652_640

Per prima cosa, preparate le verdure: sbucciate le patate, sbucciate con l’apposito spelucchino le carote, separate le foglie degli spinaci e lavatele bene tutte quante in abbondante acqua fresca, avendo cura di cambiarla due o tre volte finché non siete sicure di aver eliminato tutte le impurità.

Tagliatele grossolanamente in pezzi, mettete tutto in una pentola capiente, coprite con mezzo litro di acqua che eventualmente rabboccherete se durante la cottura tende ad asciugare troppo. Fate bollire per circa trenta – quaranta minuti o comunque finché, testando la consistenza con unasoup-796355_1920 forchetta, patate e carote siano ben cotte. Passate tutto al mixer o meglio ancora con un frullatore ad immersione e trasferite la crema ottenuta nel piatto del piccolo. Aggiungete mezzo tuorlo d’uovo, uno o due cucchiai da minestra di ricotta, condite il tutto con l’olio e servite questa buonissima vellutata al vostro bambino.

La crema avanzata può essere conservata in frigorifero e riutilizzata il giorno successivo ma potreste servirla anche al resto della famiglia per un pranzo o una cena salutare diversa dal solito: buon appetito!

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.