favole topolino pip primavera

Le favole del topolino Pip: C’è aria di Primavera

C’è aria di primavera!

Hanno detto queste parole le maestre del nido quando ci hanno accompagnato al parco giochi del Melo in una bella mattina del mese di marzo. Io e i miei amici bambini eravamo molto emozionati all’idea di giocare all’aperto,  soprattutto perché i nonni del Melo avevano preparato per noi una grande sorpresa e io non stavo più nelle orecchie dalla curiosità.

Appena fuori dalla porta ho sentito un fresco venticello che mi ha fatto vibrare i baffetti… hi, hi, hi… Mi facevano il solletico! E poi i ciuffi di capelli delle bambine e delle maestre svolazzavano dappertutto e sembravano fare curiosi balletti. Che buffe!

Appena arrivati al parco siamo corsi nella casetta e sullo scivolo, anche se il mio gioco preferito è certamente l’altalena! Le maestre ci hanno fatto salire uno alla volta e ci hanno spinto per farci dondolare.  Io volevo andare in alto fino al cielo! Anche l’aria di primavera ha giocato con me: più andavo veloce, più le mie grandi orecchie si spostavano avanti e indietro e si gonfiavano come delle vele. Che divertimento!

Dopo un po’ sono arrivati i Nonni del Melo e con loro la nostra SORPRESA: ci hanno portato le bolle di sapone. Io le adoro! Ce n’erano di tutti i tipi… da piccolissime a gigantesche. È stato un vero spasso! Io e i miei amici bambini ci siamo divertiti un mondo a rincorrerle per cercare di prenderle con le manine (nel mio caso le zampette!): ad un tratto una grossa bolla mi è scoppiata vicino ai baffi e mi ha praticamente fatto la doccia! Questa cosa ha fatto ridere a crepapelle nonni e bambini!

Rincorrere le bolle è stato divertentissimo e di nuovo l’aria di primavera ha giocato con noi: le maestre ci hanno spiegato che è proprio lei a farle volare in alto e a farle andare di qua e di là!

Nel divertimento ho capito che l’aria è una grande compagna di giochi: ho chiesto al papà se mi aiuta a costruire un aquilone così potrò farlo volare mentre corro sul prato; con la mamma invece voglio preparare un aereoplanino di carta, lanciarlo fortissimo e vedere fin dove lo spinge la mia nuova amica aria! Poi potrei usare dei fogli di carta e costruire col nonno una girandola di tanti colori, oppure potrei giocare in giardino con i soffioni. Insomma, con l’aiuto dell’aria si possono inventare mille giochi diversi!

E adesso… Sento che mi si stanno chiudendo gli occhietti. Eh già! L’aria di primavera e i giochi all’aperto mi stancano parecchio e tutti i pomeriggi mi faccio dei bei pisolini nel mio lettino con le lenzuola azzurre, abbracciando il mio orsacchiotto preferito.

È proprio arrivato il momento di fare la nanna.

 

Spero di fare un bel sogno… Pieno di bolle di sapone, di aquiloni, di girandole, di soffioni e di… zzzzz…zzzz…

Ah, che sonno! Buona primavera a tutti!

A presto,

Pip

 

Rubrica a cura di Giovanna D’Agostino (Il Corriere del Melo)

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.