Sciare..Che passione! – Sci e Bambini

Le attività sportive, come noto, rappresentano un vero e proprio toccasana per il nostro corpo e la nostra mente ed anche i più piccini traggono notevoli vantaggi dal fare esercizio fisico. Praticando sport, infatti, il bambino rafforza il proprio corpo, migliora la coordinazione, aumenta le difese immunitarie, allontana lo stress ed acquisisce una nuova consapevolezza di sé e del vivere sociale (pensiamo, ad esempio, all’apprendimento del rispetto delle regole, del gioco di squadra e del concetto di sana competizione con gli avversari…).

Durante i mesi più freddi, purtroppo, le occasioni per i più piccoli di allenarsi e giocare all’aperto si riducono molto, tuttavia una valida alternativa è rappresentata dagli sport invernali; sempre più amati da grandi e piccini. Fra questi, come avrete immaginato, lo sci vince la medaglia d’oro.

MA QUALI SONO I VANTAGGI CHE OFFRE QUESTO SPORT?

Innanzitutto, lo sci è da considerarsi uno sport completo in quanto richiede l’impiego di tutte le parti del corpo. Quest’attività aiuta a sviluppare scheletro e muscoli, ma anche coordinazione e senso dell’equilibrio. Dal momento che va obbligatoriamente praticata all’aperto ed in presenza di neve, inoltre, tale disciplina è salutare perché permette di trascorrere molte ore all’aria aperta ed in un ambiente non inquinato.

 

CHE DIFFERENZE CI SONO TRA SCI DI FONDO E SCI DI DISCESA?

– Sci di Fondo –

Lo sci di fondo garantisce uno sviluppo complessivo dell’apparato scheletrico e muscolare del bambino e potenzia il suo apparato respiratorio e circolatorio. I movimenti richiesti da questa pratica sportiva, inoltre, non sono mai identici tra loro perché cambiano in base alla morfologia dell’ambiente circostante e questo garantisce un allenamento più vario. Lo sci di fondo, infine, aiuta a combattere lo stress ed incoraggia uno stile di vita a contatto con la natura.

Ricordate però che, rispetto allo sci di discesa, quello di fondo è meno adatto ai bimbi piccoli:  meglio quindi non proporlo al di sotto dei sette/otto anni.

 

– Sci di Discesa –

Questa pratica sportiva è molto amata dai piccini e recenti studi hanno dimostrato i suoi benefici già a partire dai quattro anni d’età. Tra i vantaggi che comporta vi sono lo sviluppo dell’equilibrio e della coordinazione dei movimenti nonché lo sviluppo dei riflessi, della muscolatura e dello scheletro.

 

 

Mamme e papà devono sempre tenere a mente che, per insegnare ad un bambino a sciare, occorre sempre rivolgersi ad un istruttore che sia abile in tale disciplina sportiva e che abbia maturato esperienza nell’insegnamento ai bambini. Assolutamente sconsigliati, quindi, i “corsi fai da te” per i nostri bambini! Ne va della loro salute e sicurezza!

Non temete, presso le maggiori località sciistiche troverete certamente dei corsi adatti per i più piccoli; di seguito vedremo quali sono le mete a misura di famiglia più gettonate per la pratica dello sci:

 

  • Trentino Alto Adige : il Trentino è forse la regione più adatta per praticare lo sci assieme alla famiglia, questo perché la zona offre diverse aree sciistiche family friendly ed a misura di bambino. Tra queste citiamo Andalo, ricca di scuole di sci per bambini e baby park; San Martino di Castrozza, celebre per il suo programma Dolomiti Family Fun; la Val di Fiemme, che spopola per le sue Magic Ski Weeks, e la Val di Fassa. Nella zona dell’Alto Adige, invece, citiamo Alpe di Sius e la Val di Gardena, che ospita il rinomato Hotel Spa per bambini il “Cavallino Bianco”.
  • Emilia Romagna: la meta più celebre della regione per sciare in compagnia dei propri figli è indubbiamente Cimone, area in cui sorgono molteplici baby park e celebre per l’abbondante presenza di piste a livello intermedio.
  • Lombardia: in questa zona molto noto è soprattutto il Passo del Tonale, famoso per le sue piste di livello semplice e molto lunghe; ottimali soprattutto per chi si approccia per la prima volta alo mondo dello sci.
  • Valle d’Aosta: mete privilegiate per sciare con tutta la famiglia in Valle d’Aosta sono Torgnon ed Antagnod, apprezzatissime dai visitatori per l’atmosfera rilassante e per le numerose proposte adatte ai più piccini.

 

ATTENZIONE AI RISCHI!

Come tutti gli sport, anche lo sci deve essere praticato con attenzione, disciplina e prendendo le dovute precauzioni. In particolar modo, occorre prestare attenzione all’attrezzatura più indicata:

 

– S.O.S. cadute –

Quello di cadere, si sa, è uno dei rischi a maggiore incidenza che può verificarsi facendo sport. Per proteggere il più possibile il corpo dei nostri piccoli quando sciano occorre che indossino sempre i seguenti dispositivi:

 

  • Casco: il casco, divenuto obbligatorio per i bambini, svolge la funzione fondamentale di proteggere la testa da colpi più o meno gravi. Attenzione a sceglierlo della misura giusta!
  • Paraschiena: questo strumento, invece, protegge la colonna vertebrale da urti e brutte cadute. Assicuratevi che i vostri bambini lo indossino sempre!

 

– Proteggete la vista! –

Attenti mamme e papà! Quando si scia, a causa dell’intenso riverbero della luce solare sulla neve, gli occhi rischiano di subire danni e quindi la loro corretta protezione assume un’importanza fondamentale. Anche i micro-cristalli di ghiaccio rappresentano una minaccia per la vista, così come granelli di polvere o frammenti di piccoli rametti. Accertatevi pertanto di procurarvi il dispositivo di protezione migliore per i vostri bambini!

  • Occhiali da sole: un buon paio di occhiali da sole rappresenta la soluzione minima ed indispensabile per la vista in montagna, non rinunciatevi mai!
  • Maschera: la scelta della corretta maschera è assolutamente fondamentale ed essa dovrà sempre garantire una protezione totale ed un’ottima visibilità. Come prima cosa, occorre verificare che sia della giusta misura rispetto al viso del bambino e che gli garantisca la migliore aderenza possibile. Altro criterio di scelta è invece relativo alle lenti le quali variano in base al colore (quelle gialle sono ottime in caso di scarsa visibilità, quelle grigio chiare o trasparenti vanno usate in caso di scarsa illuminazione e quelle verdi o marroni sono ottime nelle giornate soleggiate), alla forma (piatta o sferica; la seconda garantisce una visuale migliore e più tridimensionale), al numero (lente singola o doppia; ricordate che le maschere dotate di lenti doppie si appannano meno facilmente) oppure in base ai trattamenti ai quali sono sottoposte. Tenete a mente, inoltre, che le maschere sono strutturate in modo tale da poter essere utilizzate anche con gli occhiali da vista.

E voi? Vi piacciono gli sport invernali e lo sci? Porterete i vostri bimbi in montagna? Fatecelo sapere nei commenti!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.