Giornata Mondiale del Libro

Domani 23 Aprile sarà celebrata la Giornata Mondiale del Libro. La manifestazione patrocinata dall’Unesco infatti, ha lo scopo di sensibilizzare alla lettura e promuovere la pubblicazione di libri.

Storia
Dal 1996, sulla base di una tradizione spagnola, si celebra la Giornata Mondiale del Libro. Questa data è stata scelta in quanto è il giorno in cui sono morti nel 1616 tre importanti scrittori: lo spagnolo Miguel de Cervantes, l’inglese William Shakespeare e il peruviano Inca Garcilaso de la Veg. In realtà, Cervantes e Garcilaso de la Vega sono morti il 23 aprile secondo il calendario gregoriano mentre Shakespeare è morto il 23 aprile secondo il calendario giuliano, all’epoca ancora in vigore in Inghilterra, e quindi dieci giorni dopo. L’obiettivo della Giornata è quello di incoraggiare a scoprire il piacere della lettura e a valorizzare il contributo che gli autori danno al progresso sociale e culturale dell’umanità.

L’importanza della lettura nei bambini
L’importanza in ambito cognitivo della lettura nei bambini è argomento ampiamente trattato in diversi ambiti scientifici. Leggere aiuta ad affinare l’apprendimento, la conoscenza e il vocabolario, migliorando aspetti retorici e semantici. La scrittura tende a migliorare e viene favorito il pensiero creativo.
Grazie alla lettura i bambini migliorano la propria espressività e aumentano le proprie conoscenze contenutistiche e non.

Qualche spunto di lettura
I libri per i più piccoli sono davvero molti. Come prime letture è meglio focalizzarsi su testi con immagini, utili a mantenere attiva la soglia attentiva e a memorizzare i concetti. I caratteri e l’interlinea dovranno essere maggiori rispetto ai libri per adulti e le pagine saranno necessariamente più corte.

Ecco qualche simpatico testo per i più piccoli:

  • Le avventure di Pokonaso (di J.Grant): il libro narra le vicende del piccolo Pokonaso, un bambino preistorico, e del suo inseparabile mammut Okkibuffi, compagno di mille marachelle (a volte capitate a fin di bene!).
  • Cipì (di M.Lodi): In questo libro viene raccontata la storia di Cipì, passerotto che si distingue dai suoi simili sin dal suo primo giorno di vita per la sua voglia di esplorare il mondo. Già dalla nascita il nido gli sta piccolo e i consigli della mamma non bastano a frenare la sua curiosità: il desiderio di conoscere il mondo è sempre più forte di qualsiasi prudenza.
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.