polenta concia

Ricetta per la Polenta Concia

La polenta concia è una ricetta tipica delle alte montagne del Nord Italia.

E’ un piatto rustico e sostanzioso, che mischia sapori tradizionali legati ad un passato intramontabile. E’ semplice da preparare e se si vuole, la si può variare aggiungendo degli ingredienti che vanno ad arricchire ancora di più il suo sapore ricco, infatti la sua somma calorica è molto elevata.

Ingredienti:
Per preparare la ricetta di questa polenta abbiamo bisogno:

500 gr di farina di mais
200gr di fontina
200 gr di burro
200 gr di toma
2 litri d’acqua
sale e pepe qb
olio extravergine d’oliva

Potete anche inserire nuovi ingredienti per riutilizzare quella avanzata, come ad esempio pomodorini freschi:

Preparazione:
Cominciamo tagliando a cubetti la fontina e la toma. Procuriamoci un tegame d’acciaio con il fondo spesso, anche se l’ideale sarebbe prepararla nel paiolo di rame, ma ormai sono andati in disuso. Riempiamolo d’acqua e mettiamolo sul fuoco. Appena comincia a bollire, possiamo aggiungere il sale. Incorporiamo piano piano la farina di mais e giriamo con un cucchiaio di legno. Per non far formare i tanto temuti grumi, aggiungiamo l’olio. Dobbiamo continuare a mescolare per altri 50 minuti a fuoco basso, facendo attenzione a non far attaccare il composto al fondo del tegame. Qualche minuto prima della fine della cottura, possiamo aggiungere un po’ di sale e i formaggi precedentemente tagliati e continuiamo a mescolare affinché si sciolgano del tutto. Fatto questo, prendiamo un altro tegame e mettiamoci il burro facendolo sciogliere a fuoco basso. Versiamo la polenta in tegami di terracotta perché riescono a mantenerla più calda. Con il dorso di un cucchiaio creiamo un piccolo fosso e versiamo il burro fuso. Infine aggiungiamo il pepe a nostro piacere, la polenta è pronta per essere gustata.
Se dovesse avanzare, si può tranquillamente tenere in frigo per almeno due giorni ma senza averla inumidita con l’olio. Ottima anche per preparare delle bruschette. Basta infatti tagliarla a fettine, grigliarla e condirla a piacere. La polenta concia nasce in Val d’Aosta e in Piemonte, precisamente a Biella. La ricetta subisce piccole variazioni in base alle famiglie e alle regioni in cui ci si trova. A Biella infatti vengono mischiati la toma con il maccagno che sarebbe un formaggio vaccino appena munto. In Val D’Aosta viene utilizzata la fontina e in Emilia Romagna viene preparata come una lasagna alternando strati di sugo e grana padano. In Lombardia, la preparano con il taleggio, il bitto e addirittura anche il gorgonzola e infine in Veneto con l’asiago. Alle fine sono i formaggi che vanno a differenziarla donandogli la propria identità regionale. In qualsiasi modo la si prepari, riuscirà sicuramente a conquistare i palati più difficili e sicuramente non riusciranno più a fare a meno di questo piatto semplice. La polenta concia caratterizza in pieno l’arrivo dell’autunno, di quei primi freschi piacevoli che fanno subito pensare alle belle serate trascorse in casa gustando cibo caldo e squisito. L’ideale poi sarebbe gustarla con un buon vino rosso come il Barbera o un Duetto invecchiato di qualche anno. Mi raccomando, si gusta solo con il cucchiaio e con il piatto preriscaldato.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.