morbillo

Il rientro al lavoro dopo la maternità

Innanzitutto niente panico! Il segreto per affrontare al meglio questo momento sta nell’organizzarsi in tempo.

La prima cosa da decidere è con chi starà il proprio bambino: con i nonni, con la tata o al nido. Non aspettate l’ultimo minuto per il “passaggio di consegne”: il bambino deve abituarsi alla nuova situazione.

Inoltre cercate di stabilire delle regole che possano aiutare chi terrà il vostro bambino a rapportarsi meglio con lui.

Se vi verranno sensi di colpa è del tutto normale, ma dovete pensare che una mamma deve anche realizzarsi dal punto di vista lavorativo quindi non state facendo niente di sbagliato.

Se possibile, cercate di non finire completamente i giorni di maternità o le ferie prima del rientro: questi vi potranno essere utili per stare vicino al vostro bambino in particolari situazioni come le vaccinazioni, l’influenza o l’inserimento all’asilo.

Una volta al lavoro, cercate di utilizzare queste ore per pensare un po’ anche a voi stesse. Il vostro bambino è in buone mani, quindi non c’è nessun motivo per chiamare continuamente la nonna o la tata per assicurarsi che tutto vada bene. Sarà così sicuramente, andrà tutto per il meglio e se sarete tranquille il vostro bambino non potrà avercela con voi.

Il rientro al lavoro sarà sicuramente più bello perché ad attendervi a casa ci sarà il vostro piccolo e allora appena arrivate cercate di passare del tempo con lui, riempitelo di coccole e vedrete che le settimane passeranno velocemente e sarà di nuovo tempo di vacanza tutti insieme…buon lavoro!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.